Terminale con tre esche Yo-zuri

Tre pesciolini Yo-Zuri

Passeggiando in riva al mare quante volte avete visto un pesciolino solitario nuotare tranquillamente da solo ?

E invece quante volte avete visto pesciolini a gruppetti nuotare tutti insieme ?

Quasi mai il pesciolino da solo e quasi sempre i pesciolini in gruppo.

Per questo motivo ho realizzato questo nuovo terminale composto da tre pesciolini di silicone che nuotano uno dietro l’altro.


Non ho usato i classici Roglou, ma dei pesciolini più piccoli, della marca yo-zuri molto ben fatti. Nella realizzazione dei particolari sembrano addirittura migliori dei Roglou.

Il filo con cui sono legati è unico. Faccio il nodo al pesciolino più in alto facendo avanzare molto del capo libero in modo da poter fare i nodi per gli altri due.

Fatto il nodo che più si preferisce sull’amo con anellino, faccio un ulteriore nodino sul gambo dell’amo in modo da ottenere una linea di tiro più retta possibile, nodo che comunque rimane nascosto dentro il corpo di silicone.

Provati in acqua il movimento è molto naturale e non impacciato dagli altri pesciolini che compongono il gruppo.

Se si riesce a legare le esche abbastanza vicine la vista d’insieme è più naturale e soprattutto i pesciolini non si imbrogliano tra loro, come potrebbe capitare se vengono legati a troppa distanza in caso di onde o nel momento del cambio di direzione del divergente.

Per adesso ho fatto terminali utilizzando sempre pesciolini dello stesso colore. Ma non è escluso che componendo gruppi di diverso colore non aumenti l’efficacia, offrendo una più ampia gamma di colori alla curiosità del predatore.

 

11 Responses to Terminale con tre esche Yo-zuri

  1. Idea stupenda!!!Imitare un branchetto di pesciolini deve essere molto addescante!!!Io ho problemi con la lunghezza dei terminali…a che distanza si mettono i pesciolini dal trave???2,5 metri puo’bastare???Grazie…Ps complimenti per il blog e stupendo!!!

  2. La lunghezza dei terminali è anche in relazione alla distanza di essi sul trave .
    Io ho esattamente i terminali distanti 2,5 metri l’uno dall’altro e la loro lunghezza è la stessa … tenere per esempio la distanza l’uno dall’altro a 2,5 metri ed aumentare la lunghezza significa aumentare in caso di mare molto mosso la possibilità che i terminali si imbroglino tra loro.
    Comunque di solito la lunghezza/distanza è 2.5 – 3 metri l’uno ….

  3. Veramente poi l’ho utilizzato raramente.
    Mi sembra che una volta ci ho preso una spigola piccolina.
    Comunque la ritengo un’idea valida, ma da utilizzare con il mare piatto, perchè con le onde capita che si allamino insieme due pescilini … o forse nel cambio di direzione, non so.

  4. Perchè rigido ? non sarebbe meglio morbido per dare una certa naturalezza al pesce esca ?

    non parlo per esperienza ma per informarmi (^_*)

    • Io sono un pescatore tutt’altro che tecnico, non studio l’attrezzatura e non credo che la differenza tra una buona giornata di pesca ed una senza prede dipenda dall’uso di filo morbido o rigido.
      Comunque visto che il più delle volte peschiamo con mare mosso, il filo rigido previene maggiormente possibili ingarbugliamenti.
      Inoltre aiuta a dare la ferrata quando il pesce abbocca, che non esercitiamo direttamente noi come se avessimo la lenza in mano, ma è tutta nella forza di trazione dell’attrezzatura.

  5. capito, cmq per il discorso ferrata e meno ingarbugliamenti sono d’accordo, infatti ho comperato un monofilo fluorocarbon 0,30 (0,29 per l’esattezza) e l’ho sostituito con quello che avevo giàcioè uno 0,35 non fluorocarbon, domani mattina vado a provare per la seconda volta, speriamo mi vada bene altrimenti…….mi sarò fatta una bella passeggiata sulla spiaggia.

  6. Ottima idea davvero,simulare un branchetto di pesce…volevo chiedervi se qualcuno di voi ha mai usato un popper sul proprio trave,come quello usato per lo spinning,e cm sarebbe come esca secondo voi?..saluti Luca..

    • Qualsiasi esca che funzioni nella traina a motore o nello spinning può certamente essere provata anche con il barchino .
      Io non ho mai provato con il popper, ma non vedo limitazioni ad usarlo.
      Io uso 5 terminali e spesso 1 lo dedico alla prova di nuovi artificiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *