Sea-conditions per monitorare l’altezza delle onde

sea conditions il monitor delle onde prima della pescaSar√† capitato a tutti di alzarsi la mattina presto, mettere l’attrezzatura in macchina, fare qualche chilometro ed arrivati sulla spiaggia scoprire che non ci sono proprio le condizioni meteo-marine per poter pescare con il divergente.

Puoi anche avere il barchino inaffondabile, ma se le onde sono troppo alte diventa difficile pescare anche perch√® su certe spiagge il mare si mangia tutto lo spazio e non c’√® modo di camminare all’asciutto.

Sono situazioni che possono rovinare la giornata. Io ho la fortuna di abitare in un posto dove ci sono molte spiagge orientate in direzioni diverse ed opposte, sia che i venti siano da sud, sia che vengano da nord, ho una spiaggia riparata dove pescare.

Però prima di partire, magari anche il giorno prima, sapere se ci sono onde troppo grandi per pescare è utile.

Per scoprire le condizioni del mare, l’altezza e la direzione delle onde¬†ho scoperto il sito www.sea-conditions.com che ho molto apprezzato sia per la funzione sia per l’aspetto grafico, semplice da utilizzare ed immediato nella comprensione. Continue reading

Tanto lo sai come andrà la giornata

Era dalle feste di Natale che non andavo a pescare.

Ieri sera per√≤ ho puntato la sveglia alle 6.30 ben convinto di passare almeno un paio d’ore in spiaggia.

Stamani all’ora stabilita la sveglia suona e gi√† prima di alzarmi sento che qualcosa non va.

Ieri mattina c’√® stato vento e onde, ma in serata tutto si √® calmato.

Stamani ho sentito subito, prima di alzarmi, il vento che soffiava. E se lo sento dalla mia camera non soffia nella direzione giusta, ormai lo conosco.

Comunque mi sono alzato e sono partito.

In spiaggia alle 7.10 sono rimasto qualche minuto sulla riva, quasi con la voglia di tornare a casa.

Le onde del ¬†mare tagliavano la spiaggia di traverso e anche se a riva l’acqua era pulita pi√Ļ al largo si vedeva bene una larga striscia marrone.

Ormai ero in spiaggia e mi sono preparato alla partenza, ma sapevo già che oggi non avrei pescato nulla. Ed infatti dopo meno di due ore sono tornato a casa senza emozioni e con il vento che saliva.

Possiamo dire che questa √® l’esperienza ? Continue reading

Un bagno a novembre

il barchino e la boa

Venerdi 1¬į novembre sono andato a pescare. Sono arrivato presto sulla spiaggia, ma si vedeva subito che sarebbe stata una splendida giornata di sole. Il mare era calmo .

Ho passeggiato avanti e indietro per un bel po’ con la passeggiata bloccata dai soliti pescatori, senza prendere nulla.

Già da prima delle 10 del mattino la spiaggia ha iniziato a riempirsi di gente, complice il giorno di festa, e molti hanno iniziato a fare il bagno .  Ricordo che pesco nella bassa Toscana.

A quel punto ho dovuto smettere di pescare e mi sarei volentieri unito ai bagnanti, perchè la giornata era veramente estiva. Ma non avevo costume e asciugamano e sono tornato a casa.

Domenica 3 novembre sono tornato a pescare, sempre la mattina, ma la giornata era completamente diversa.

Freddo, vento, mare mosso al punto giusto per la nostra pesca, nuvole nere che minacciavano pioggia da un momento all’altro, anche se poi in effetti non ha piovuto.

La spiaggia era libera ed ho iniziato la mia passeggiata sapendo che avrei camminato molto e senza intoppi.

Non avrei mai immaginato che dopo aver rinunciato al bagno venerdi in una giornata che imitava il luglio estivo, avrei fatto un bel bagno quella mattina di domenica che prometteva temporali. Continue reading

Il calendario della pesca

Per quanto filo possiamo dare al nostro barchino, quella che facciamo è comunque una pesca sottocosta ed è il pesce che deve venire da noi piuttosto che noi andare da lui, come si farebbe in barca.

Il pesce ha le sue abitudini, anche se ormai la natura è tutta stravolta, e secondo la specie a cui appartiene, certi periodi preferisce passarli in acque alte, altre in acque basse, oppure sceglie tra acqua calda e fredda.

Sapere quale pesce staziona normalmente sottoriva nel periodo in cui peschiamo pu√≤ essere importante per scegliere l’artificiale o lo spessore della lenza .

Ecco quindi una tabella che indica su base mensile la presenza sottocosta delle possibili prede del barchino divergente.

gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
aguglia [] [] [x] [x] [x] [x] [] []
lampuga [] [x] [x] [x] [x] [x] []
leccia [] [x] [x] [x] [x] [x] [x] [x] [x] []
occhiata [] [x] [x] [x] [x] [] []
ricciola [] [x] [x] [x] [x] [x] [x] [] []
serra [] [x] [x] [x] [x] []
sgombro [] [x] [x] [] [] [] [x] [x] []
spigola [x] [x] [x] [] [] []
stella [] [x] [x] [x] [x] [x] [x] [x] []
sugarello [] [] [x] [x] [x] [x] [] []
tracina [] [] [x] [x] [x] [x] [x] [x] [] []

[]  indica la presenza della specie, [x] indica le maggiori possibilità di pesca Continue reading

Una giornata faticosa

Oggi è stata una giornata di pesca veramente difficile e faticosa.

Quando ho guardato il mare dalla finestra di casa, ho visto onde, vento e corrente, ma non mi sembrava che ci fosse un mare eccessivamente grosso.

Quando invece sono arrivato sulla spiaggia ho tovato alta marea e grandi onde che spazzavano la spiaggia. Ormai ero li e comunque non mi sembrava che le condizioni fossero impossibili.

Ma appena partito mi sono reso conto che non sarebbe stata una giornata facile.

Le onde non erano le pi√Ļ grandi con cui ho pescato, ma si susseguivano una dietro l’altra senza respiro. Inoltre c’era una forte corrente trasversale.

Ho camminato per 45 minuti in una direzione, con il vento alle spalle, ed il barchino non ha mai preso bene il largo. Non ce la faceva a vincere la forza delle onde e mi camminava sempre molto dietro e vicino a terra. Questo nonostante sia sempre stato molto soddisfatto della divergenza del mio barchino. Continue reading

A maggio si pesca ancora

maggioCon il mese di Maggio in genere aumenta la stabilit√† meteorologica che ci accompagna fino all’estate . Pi√Ļ difficile che si verifichino mareggiate, le acque iniziano a scaldarsi, spesso il mare √® poco mosso se non immobile e le acque, non piu’ agitate dalle mareggiate, sono piu’ chiare.

Il cambiamento climatico ha forte influenza sul comportamento dei pesci . Ad esempio la spigola, la nostra preda preferita, inizia ad essere meno presente sottocosta, ma altre specie si accostano per la riproduzione e anche nuovi predatori si portano sottoriva.

Con il mese di Maggio la pesca quindi non cessa, ma bisogna tener conto che forse è il caso di rivolgersi ad altre prede, anche se la presenza di questi pesci sottocosta varia molto da zona a zona.

Le principali specie da traina che arrivano sottocosta in questo periodo sono: Continue reading