video: costruzione e test del barchino divergente


La pesca attiva non mi ricordo neanche io più cosa sia. Non sono più andato a pesca e mi sa che per quest’anno la mia stagione è già finita.   C’est la vie . Altri impegni, poco tempo. Anche un po’ di pigrizia, sapendo che posso uscire al massimo per due ore, compreso andare e tornare, preferisco non uscire per niente.

Mi consolo guardando un po’ di filmati su youtube e questo mi è sembrato veramente bello.

Il filmato parte dalla costruzione del barchino, fatta con estrema cura, al test in mare con la magnifica idea di montare una telecamera  a bordo. Ho già fatto i complimenti a Marco, l’autore di questo filmato, su youtube.

Un filmato ‘sereno’, senza la voglia di dimostrare chissacchè, oltre alla passione per il barchino, per il faidate e per il mare .

Comunque avrei un po’ di domande che magari voi costruttori di barchini potete spiegarmi:

1 – il braccetto dove si può trovare ?  Bisogna farselo fare su misura da un fabbro o si può trovare in qualche ferramenta ? (ci credo poco)

2- ma il braccetto è solo incollato come mi sembra di vedere nel filmato ?

3- questo catamarano ha tre tavole di congiunzione trasversali, invece delle solite due . Meglio, peggio, uguale?

4- non so se è un’impressione data dalla telecamera a bordo, ma mi sembra che questo barchino, con il mare calmo che c’è, affondi parecchio. Questa cosa l’ho notata anche su molti altri filmati. Il mio ‘galleggia’ molto di più, è più fuori dall’acqua . E sono molto contento di come naviga il mio barchino.  Commenti ?

L’idea della telecamera a bordo mi è sembrata originale, non ricordo di averlo visto altre volte, ed ha regalato belle immagini .


10 Responses to video: costruzione e test del barchino divergente

  1. Complimenti all’autore del filmato…….

    dico la mia:

    bello il barchino, mi sembra buono, per diverge diverge, ma nel filmato si vede solo come diverge con mare calmo, e questo è facile, vabbèh, meglio per le riprese da parte della fotocamera montata sul barchino (cmq originale come idea), però non sappiamo come può divergere con mare mosso o molto mosso, io credo non adatto ad un mare diverso da quello calmo..

    passiamo alla piombatura del barchino che per me è proprio assete, infatti la pala esterna è troppo alta in fase di navigazione, uno perchè gli manca la piombatura sulla pala esterna e secondo per come ha montato la barra d’acciaio, infatti noto che l’ha montata con un’angolazione che in fase di trazione, affonda molto di piu la pala piccola ed alza quella grande, al massimo avrebbe dovuto montare la barra (il maniglione) con un’angolazione opposta a come l’ha montata lui, cioè rivolta in basso e non in alo come vedo nel filmato, infatti se l’avesse montata all’opposto, lapala esterna affonderebbe di più, invece cos’ la alza parecchio e basta una leggera onda a capovolgere il barchino, oppure poteva montarla normalmente senza nessuna angolazione ma il contrappeso serviva lostesso…..

    la barra in acciaio (in genere  da 6 mm) io la trovo non dal ferramenta ma da un rivenditore di “ferri” per l’edilizia, barre da almeno 6 metri (circa 5-7 euro) e ne hai er diversi barchini….

    a proposito del maniglione, devo fare i complimenti al costruttore del barchino perchè si vede la sua precisione (peccato che ha sbagliato l’angolazione) infatti se noti, sulla barra ha praticato due fori i quali vengono trapassati dalla vite che tiene la traversa e poi entra nel buco del maniglione (lavoro di precisione, bravo Marco),…..

    le traverse di solito sono due, la terza non serve a niente se non appesantire ancora di più il barchino, se poi l’ha messa tanto per montarci su la fotocamera, poteva fare a meno perchè la poteva montare su una delle due normali traverse..

    cmq ripeto i complimenti per la precisione e l’inventiva della fotocamera…..

     

     

    • Salve ragazzi.Sono Marco Meli il costruttore del barchino.Grazie mille per i complimenti.Rispondo a qualche domanda e spiego alcune cose.

      Parto dal presupposto che sono un amante del fai da te e amo lavorare il legno.Tempo fa su you tube ho visto un video del barchino divergente,la cosa mi ha affascinato,ed ho detto”quasi quasi ne faccio uno”.Io pratico surf casting ma l’idea di fare traina da riva mi ha sempre incuriosito.

      Ho cominciato la mia ricerca in rete di come realizzare un barchino divergente,milioni di misure e diverse modalità di realizzazione hanno invaso la mia mente,poi su un sito ho letto di un ragazzo Calabrese che ne aveva realizzato uno inaffondabile da usare in qualunque condizione del mare.Mi detti da fare e cominciai a procurare il tutto.A differenza dei barchini che si vedono il mio è realizzato a catamarano e non a prora cioè ha entrambi le derive uguali 70cm con 25cm altezza e spessore 2,8cm. Diciamo che non ho seguito proprio tutte le misure suggeritemi dall’amico calabrese.

      Per quanto riguarda ciò che ha detto Tom, Il barchino non ha zavorra perchè di suo è già pesante e ben bilanciato, un piccolo contrappeso l’ha dato quella volta del collaudo la fotocamera e la seconda volta la luce lampeggiante che ho costruito e messo al posto della video camera.Il giorno del video più che camminare correvo in spiaggia di conseguenza si impennava e ho tentato in tutti i modi di farlo scuffiare ma niente.Era un test e volevo spingerlo al max.

      La sbarra è stata montata con un angolazione di 45 gradi perchè tirando affonda un pò di più la deriva che si mostra verso terra e alzando quella lato mare diminuisce l’attrito con l’acqua.La sbarra oltre ad essere stata incollata con un bicomponente che tiene fino a 120kg è tenuta dalle viti in acciaio inox che reggono le travi,che come avete notato sono 3.Quella centrale è stata messa per dare maggiore supporto alle 2 derive viste le dimensioni e poi per mettere eventuali accessori(tipo luce lampeggiante per la sera,fotocamera,bandiera,e la mia ultima invenzione pasturatore automatico).

      Ho anche fatto la prova con il mare grosso ed andava alla grande. Cmq sarà stata na botta di fortuna ma il mio primo barchino va che è una meraviglia.Questa settimana lo proverò in una zona dove si prendono belle spigole.Vi aggiornerò.

      Grazie ancora per i commenti alla prossima e viva la pesca

  2. Ciao Marco e complimenti ancora per il video e l’inventiva della video camera………

    sia chiaro, il mio punto di vista non è una critica nei tuoi confronti, ci mancherebbe altro, ma solo che dopo averne costruiti tanti barchini ed apportato diverse modifiche di continuo, sono arrivato alla conclusione che ci sono alcune prerogative che non possono non essere prese in considerazione ed una di queste è il contrappeso che serve a tenere la deriva esterna (lato mare) più giù in modo che il barchino navighi meglio e che le onde trovino più resistenza nel farlo scuffiare…..

    Ecco perchè secondo me la barra montata a 45° doveva essere messa in posizione opposta a come l’hai messa tu, magari se un domani farai la prova te ne renderai conto di quanto dico, infatti tu dici che in questo modo la pala esterna si mantiene più sollevata e così fa meno attrito con l’acqua, ma come dicevo prima la pala esterna deve affondare di più da quello che vedo nel filmato, e ripeto non è una critica ma solo un punto di vista di uno che è  nel “giro” dei barchini da un po di tempo apportando modifiche in continuazione (a volte fatte tanto per provare o sapendo anche che faccio un buco nell’acqua, ma tutto serve per acquisire esperienza anche da errori fatti volontariamente che involontariamente )…..

     

    • Ciao Tom. Per me i tuoi sono consigli e non critiche.Io pratico questo tipo di pesca da poco,considera che ho fatto solo 2 uscite ancora.Probabilmente farò la prova a mettere la zavorra sulla deriva lato mare anche se cmq non credo cambi molto,magari si alzerà meno senza dubbio,ma a livello di navigazione forse rimarrà uguale.

      Per quanto riguarda ciò che ha detto Mauro,hai proprio ragione è diventato uno schifo ormai, e la cosa bella che spesso vengono a rompere le balle a chi pesca da riva mentre chi fa strascico a 30 metri dalla riva non gli dicono nulla. Io per 2 anni ho lavorato nella guardia costiera,facevamo benissimo il nostro lavoro e quando ci segnalavano pesca sotto costa da parte di motopescherecci scappavamo subito. Ma non tutta la guardia costiera era come noi. Quest’estate pescavo dalla riva e un peschereccio calava le reti a nemmeno 50 metri ho fatto il 1530 per segnalare questa cosa e nessuno è arrivato. Cmq è un argomento infinito e non cambieranno le cose e poi ricordiamoci che siamo in italia dove ormai non mi stupisce più nulla.

  3. Salve ragazzi, x quello che ho visto quel barchino e’ adatto in special modo nelle condizioni di mare mosso, che peraltro sono le condizioni piu’ favorevoli x fare questa tecnica di pesca. A Salvatore, visto che pesca nella stessa zona in cui pesco anche io, vorrei chiedere se e’ riuscito a prendere qualcosa. Io quest’anno non sono riuscito a prendere nessun pesce, eppure sono uscito diverse volte. Un argomento che dovremmo affrontare prima o poi e’ la devastazione che i pescatori con le reti a strascico stanno facendo nei nostri litorali. Sono stato piu’ di una volta testimone delle manovre di queste persone che riescono a portarsi fino a pochi metri dalla riva. Se non verranno presi dei provvedimenti, ragazzi il nostro hobby piano piano finira’ xche’ non ci sara’ niente da pescare. Pensateci……un saluto a tutti.

  4. Quest’anno sono uscito a pescare solo 3 o 4 volte … praticamente ho saltato l’anno .  Comunque una volta ho preso una bella spigola, tanto per ricordare l’emozione.

    Più che la pesca a strascico, tralasciando il danno ai fondali, per la nostra pesca sono più fastidiosi i tramaglini o comunque pescatori che usano le reti, che partono proprio dalla riva . L’avrai trovata anche te qualche volta la rete alla fine della giannella.

    E anche le boe degli stabilimenti balneari che a fine stagione andrebbero tolte ed invece sono sempre li.

  5. Ah le boe poi….. rendono le spiagge impraticabili per noi  barchinari, se almeno si trovassero ad una certa distanza, senza fare zig zag col barchino col rischio di rimanere impigliati o perdere le esche…

    A volte, quando il barchino si trova oltre le boe, basta tirare con forza il trave all’ultimo momento per far scavalcare la boa…

     

    Per quanto riguarda la pesca sotto riva con le reti e compagnia bella, voglio vedere quando, e se, inizieranno a fare i controlli un domani a noi pescasportivi per vedere se abbiamo o no il tesserino (che prima o poi diventerà a pagamento ), poi in quel momento possiamo prenderli e buttarli in mare “i controllori” se non prima si rivolgono ai pescatori fuori legge invece di venire da noi a romperci le……

     

  6. quest’anno non si e’ pescato un tubo,dal Tevere in su fino all’Uccellina,spigole sparite!!!!mentre ho notizie che a sud di Roma si sono prese e parecchie,nonostante l’invasione di serra.chi ha informazioni ulteriori ci aggiorni

  7. Posso confermare che nella zona tra l’Uccellina e l’Ansedonia (per chi non conosce la costa a sud della provincia di Grosseto) tutti si lamentano, non ha pescato nessuno con regolarità.

    E’ possibile che in questa zona ha influito l’alluvione di novembre, con il fiume albegna che ha straripato ed ha portato molto fango in mare ?

  8. Dalle mie parti invece di spigole ne hanno prese un bel po e di taglia extra anche (4-5-e 6 kili) ma non col barchino, sono venuto a conoscenza di uno spinner che ha fatto strage di spigolone, serra e barracuda, ho visto anche le foto…..

    intanto io ero bloccato a casa lui faceva strage…

    però bisogna dire anche che dev’essere uno bravo anche perchè non credo sia l’unico a pescare a spinning……..

    ho visto una foto con in mano un barracuda stimato sui 5-6 kili…..

     

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *