Per chi è stanco di pescare camminando e si vuol fermare.

pesca sulla pertica

Oggi mi sono trovato davanti per caso questa fotografia e mi è parsa bellissima.
Quindi la condivido con voi, dopo essermi informato su questa pesca molto particolare.

Si tratta dello stilt fishing (“pesca sulla pertica”), il tradizionale metodo di pesca dell’isola di Ceylon, odierna Sri Lanka. All’alba e al tramonto ogni pescatore si siede sul proprio trespolo per pescare con la canna piccoli pesci, molto richiesti dal mercato locale. I robusti pali, alti fino a 80 metri e resistenti anche alle onde delle acque agitate costituiscono un prezioso patrimonio che in alcuni casi  viene ereditato di padre in figlio.

Un palo è fissato sul fondo del mare e quasi in cima c’è una barra trasversale, chiamata Petta, su cui i pescatori si siedono in precario equilibrio.

 Quindi, con una mano si tengono al palo e con  l’altra mano usano una canna da pesca o una lenza per la cattura di aringhe e piccoli sgombri, che vengono poi conservati in un sacchetto di plastica legato intorno alla vita.

pescatori sulla pertica

stilt fishing sri_lanka

La pesca è comunque praticata molto vicino alla riva. Ma non usando mulinelli e canne che permettono di poter lanciare lontano, quel poco che riescono ad allontanarsi dalla riva gli permette di pescare con piccole canne fisse  dove c’è il passo del pesce.

Più guardo queste foto e più mi sembra una cosa bellissima.


One Response to Per chi è stanco di pescare camminando e si vuol fermare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *