L’aggancio alla barra del barchino

In questo periodo non ho molto tempo per andare a pescare e quindi non posso raccontare nulla circa le mie esperienze di pesca, ma ci sono ancora argomenti di ‘teoria’ sui quali si può approfondire.

Anche se la tecnica del divergente è piuttosto semplice e lo è anche l’attrezzatura, ci sono delle difformità d’uso tra un pescatore e l’altro, spesso inezie senza nessuna reale importanza , altre volte da studiare per vedere quale è la soluzione migliore.

E’ il caso dell’aggancio del trave alla barra del barchino.

Un pescatore mio conoscente insiste che l’aggancio deve essere fatto con un moschettone molto pesante, mentre io uso un cerchio di metallo leggerissimo.

L’importanza di questo particolare non è nel traino del barchino, entrambi i sistemi offrono la robustezza necessaria a reggere il peso, ma nel momento della virata.

Il cambio di direzione del barchino divergente è uno dei pochi gesti tecnici di questa attività di pesca.

Nella girata il trave si deve spostare da un estremo all’altro del braccio a cui è agganciato .

Per fare questo si smette di avanzare sulla spiaggia, si arrotola il filo o si cammina trasversalmente allontanandosi dal mare e quando il barchino è alla nostra altezza si da uno strattone e si rilascia subito il filo.

In questo modo il barchino fa uno scatto in avanti, ma il trave lasciato in bando non avanza ed il supporto di aggancio scivola indietro all’avanzare del barchino.

un cerchio da portachiaveSecondo me, e sono confortato dalle mie girate, un aggancio leggero, che sia un cerchio di metallo o un moschettone non importa, favorisce lo scorrere sulla barra. Il barchino che si sposta velocemente in avanti e l’atrito con il mare fanno scivolare indietro l’aggancio ed alla ripresa della camminata il filo è nella giusta posizione di traino.




esempio di moschettone pesanteIl mio conoscente usa invece un grande moschettone da nautica, molto pesante, perchè asserisce che nel momento topico della girata non strattona semplicemente il trave, ma fa un arco con la mano (da destra a sinistra o viceversa secondo la direzione) e sposta lui materialmente il moschettone da una parte all’altra.

Io sono molto scettico su questa versione.  Un arco di un metro, un metro e mezzo che possiamo imprimere con lo slancio del braccio difficilmente può ripercuotersi attraverso il trave al moschettone che sta a 40-50 metri di distanza.

Il barchino cambia direzione perchè è la barra che scorre attraverso il moscettone e non il moschettone che cammina sulla barra.

Quindi secondo me un attacco robusto ma leggero è preferibile ad uno massiccio e pesante.



21 Responses to L’aggancio alla barra del barchino

  1. Salve
    personalmente utilizzo una soluzione intermedia e cioè un semplice moschettone in acciaio che si acquista in un comune negozio di ferramenta. Preferisco il moschettone all’anello perchè consente di sganciare la lenza dal barchino a fine pesca. La virata è precisa e veloce infatti appena si toglie trazione al trave il barchino, che possiede una certo abbrivio, si dispone parallelamente alla spiaggia, basta quindi recuperare la lenza tirando in direzione opposta per provocare lo scorrimento dal moschettone sull’altro lato e ripartire.

  2. Certo usare il moschettone è molto più comodo quando si deve riporre l’attrezzatura.
    Per la virata penso che il discorso sia leggermente diverso.
    Quando si ferma la lenza e l’abbrivio fa avanzare ancora il barchino, l’aggancio (cerchio o moschettone che sia) rimanendo fermo mentre il barchino avanza, già si sposta da un punto all’altro della barra e nel momento che iniziamo a camminare in direzione contraria è già nella sua posizione.

  3. Infatti è quello che pensavo anche io,cioè che non ci sono poi tanti problemi nel far cambiare direzione al moschettone sull’asta del barchino………
    Ma a voi è mai capitato che il moschettone vienne trascinato dalla forza delle onde da un’estremità all’altra ? e così facendo il barchino prende direzioni errate anche trainando nella stessa direzione di marcia di partenza.

    • Capita che con onde grosse riescano a trascinare via il barchino. In quell’attimo si perde la trazione del trave, e capita che la forza del mare sposti il moschettone e ci si ritrovi con il barchino che punta a terra.
      A quel punto si fa la normale manovra di virata per riportarlo nella direzione giusta.

    • il famoso anello non va bene ‘ perche’ quando abbocchi una spigola grossa il divergente puo’ fare la rotta inversa …….e’ la perdi senzaltro….quindi usate solo ed esclusivanente moschettoni……..ciao a presto…..

      SPIGOLA 76

  4. Ciao Corrado, non so se ci sia poi tanta differenza tra moschettone o anello, in caso di abboccata di qualche bella spigolotta credo si sposti sia uno che l’altro aggancio, ed in caso di cambio di direzione del barchino, non ci sono problemi, ci penso io a farla uscire la spigola, a costo di entrare in mare (^_^) però ancora non ho avuto questo onore.

    • caro tom ho un sacco di esperienze forse + di qualcuno pero’ ancora non mi reputo molto bravo …io anni fa ho messo pure sto cavolo di anello ,pero’ ti dico ho perso un sacco di spigoloni per colpa di questo.

  5. Infatti. L’anello è più leggero ed aiuta nelle virate, ma il moschettone non è poi così pesante da non essere tirato dalla grossa spigola.

  6. guardate, io non uso l’anello, ho il moschettone da ferramenta, l’anello non l’ho trovato, ma per me è uguale, o almeno dico così perchè sono ancora all’inizio, magari proverò per vedere la differenza quando ne troverò uno…….

  7. Salve,la girella da inserire nel moschettone o anello quanto deve essere grossa?…E per quanto riguarda i terminali si potrebbe usare il fluorcarbon 0,30mm?….Saluti Luca…

  8. Ciao Luca….

    io utilizzo un fluorocarbon dello 0,29 ed altri terminali con uno 0,35 non fluoro, ma le catture le ho avute ad entrambi i finali……

     

    la girella che utilizzo per l’attacco della lenza madre non è di di grosse dimensioni,, ma è di quelle “toste” non saprei dirti la misura, macmq  non dev’essere piccola.

     

     

  9. ok, buono a sapersi……

     

    quindi io con un massimo 0,35 rischio di perdere un’eventuale preda taglia maxi ?

    per me maxi è gia 1,5 – 2 kg….figuriamoci sopra i 2 kg (^_^)

  10. Ciao a tutti,grazie per la risposta Tom…Ho trovato una girella abbastanza robusta da apporre al moschettone.Per i terminali ho optato a un fluorcarbon 0,34 sostituendo i miei vecchi terminali dello 0,30…Al momento c’è mare forte,aspettando la scaduta provero’ il tutto.. :=)..Saluti dalla Sicilia…Luca

  11. Ragazzi, oggi ho provato l’anello in acciaio e devo dire che….l’ho dovuto eliminare, nonmi trovo bene, il barchino cambia direzione molte volte, c’era mare grosso ma quando l’ho tolto ed ho agganciato il solo moschettone alla maniglia non è più successo niente a parte qualche onda esagerata…..

     

    per me, è meglio senza l’anello.

     

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *