La prima uscita per imparare a manovrare il barchino divergente

L’intenzione era di uscire solo per provare il barchino divergente, ma la prima uscita è stata comunque una prova di pesca, perchè la manovra del barchino è veramente semplice e c’è poco da imparare.

Sono stato autodidatta, ho imparato facendolo, ma non credo che ci siano modi diversi di usare il barchino divergente.

Arrivato sulla spiaggia, si sceglie un piccolo tratto pulito, si appoggia il barchino per adesso lontano dall’acqua e si srotola il trave fino a passare di un paio di metri l’ultima girella.

Si prendono i terminali già pronti, che finiscono con una girella con gancetto, si agganciano ognuno alla sua girella e si stendono obliquamente in direzione del barchino.

Alcuni tengono i terminali avvolti insieme al trave già attaccati. Lo sconsiglio vivamente, a meno che sciogliere nodi non sia la vostra passione.  Attaccarli in seguito è più sicuro e porta via solo un minuto di tempo.

Quando tutti i terminali sono attaccati si solleva il barchino e lo si posiziona di traverso al mare sul bagnasciuga, più in là che potete senza bagnarvi. Attenzione a posizionare il gancio che collega il trave alla barra nella posizione verso il mare.

Si prende il capo del trave e appena arriva un onda sotto il barchino si inizia a tirare, moderatamente senza strattonare e si inizia a camminare.

Il barchino prenderà il mare e da subito e obliquamente si sposterà al largo fino ad assumere una posizione quasi verticale rispetto a noi, giusto un passo indietro se il mare è calmo.

Fatto, siamo già in pesca . Si deve solo camminare per lunghi tratti e aspettare che abbocchi.

Se si deve tornare indietro ed invertire la rotta del barchino, si deve tirare con forza e mollare di colpo in bando il trave.  Iniziando a camminare dalla parte opposta quando il trave tornerà in tensione l’anello si dovrebbe essere spostato dalla parte giusta della barra ed il barchino camminerà nella vostra stessa direzione.

Se così non fosse riprovare a tirare e lasciare in bando fino a quando non cambia direzione.

Quando il pesce abbocca o è l’ora di rincasare, tirare il trave senza camminare. Il barchino prenderà la direzione della spiaggia fino ad arenarsi.  Staccato il pesce, riposizionare il barchino per la partenza, che avverrà in direzione contraria a quella che si stava facendo. Se si deve smettere di pescare portare il barchino divergente  in secca, staccare i terminali ed avvolgere il trave.

La distanza del barchino dalla riva (importantissimo scegliere la giusta distanza, ma ne riparlerò) la regoliamo concedendo più o meno trave.  L’importante è tenere il cavo sempre in tensione anche quando vogliamo far allontanare il barchino dalla riva.

E’ davvero semplicissimo, anche i più imbranati potranno pescare senza problemi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *