Il rivoluzionario barchino di Paolo (cippalippa)

Uno degli argomenti più curiosi e che attira commenti su questo sito dedicato ai barchini divergenti è sicuramente il barchino progettato e costruito da Paolo, conosciuto sul forum con il nickname Cippalippa .

Abbiamo già pubblicato il primo filmato che mostrava (e non mostrava) il barchino qualche tempo fa . Era un progetto segreto, che involontariamente ho contribuito a svelare pubblicizzando un altro filmato che avevo trovato su youtube.

E’ chiamato barchino da tempesta, ma in realtà è utilizzabile  con tutte le condizioni del mare,da calmo a molto mosso.

Paolo parla così del suo barchino:

questo barchino l’ho ideato per questo,mi serviva un attrezzo che mi potesse far pescare con qualsiasi condizione trovassi,per anni quando arrivavo e trovavo un mare formato mi toccava pescare vedendo il barchino cappottarsi con le onde,era veramente frustrante,e perdipiu’ mi accorgevo che erano quelle le condizioni migliori di mare per trovare pesce.

Questo barchino non deve affrontare situazioni impossibili,anche se l’ho testato con onde di un metro e mezzo,ma mi deve far pescare agevolmente in quelle condizioni nelle quali il mio vecchio barchino classico si capovolgeva e ingarbugliava i braccioli rendendomi la pesca faticosissima!

Tutti sanno che con il mare con onde di 60-70 cm il barchino classico si capovolge e fatica ad entrare in pesca e se ci riesce ad allontanarsi,c’e’ sempre un altra onda pronta  a capovolgerlo e a riportarlo 10 metri indietro,di fatti le domande che piu’ spesso si trovano nei forum che trattano la costruzione,sono sempre le stesse domande,come faccio a non farlo cappottare? oppure,con mare mosso il mio barchino non esce,devo piombarlo di piu’?

Ragazzi,sono 30 anni ormai che pesco con il barchino,ne ho fatti di tutti i tipi e misure,con questo alla fine ho centrato il segno, e ora oltre a pescare mi diverto pure a guidarlo,per verificare fino a che punto posso spingerlo usando la multifibra in diversi tipi di conformazione,il trave e’ il piu’ grande limite per i barchini e riuscire a farlo a dovere e usare tecniche di manovra appropriate permettono all’attrezzo di navigare al meglio delle sue possibilita’ .

barchino da tempesta

Che si tratti di un barchino diverso, rivoluzionario, è innegabile.

Le derive sono 4 e non 2, piccole e  posizionate agli angoli di una struttura metallica. Ha l’aspetto molto leggero, con base larga e baricentro basso.  Anche la larghezza e le congiunzioni delle due derive quasi alle estremità dei bracci dovrebbe aiutarne la stabilità.

Per domande e discussioni, magari anche riguardo il portalenza, anch’esso insolito mi pare,  Paolo è sempre presente qui sul blog, per questioni riguardo il barchino è contattabile all’indirizzo email che vedete nell’immagine .

indirizzo email di paolo

43 Responses to Il rivoluzionario barchino di Paolo (cippalippa)

  1. ciao,Enrico,non sapevo che bazzicavi questo forum,e’ quasi ultimato,manca la seconda mano di bicomponente e l’inserimento dei piombi nella struttura,sei fortunato perche’ abitando vicino a Roma ,te lo posso consegnare personalmente,facendoci una bella pescata insieme,se becchiamo la giornata adatta,con onde e mare pulito ti potro’ far vedere la mia tecnica di pesca che non e’ solo tirare l’attrezzo ma guidarlo affinche’ porti il trave in pesca e mantenga la posizione contrastando le onde,infatti il segreto e’ questo,semplice semplice,piu’ il trave e’ in pesca e piu’ si catturano pesci,ci sono giornate molto profique,quando il mare rivolta il fondo, i predatori arrivano numerosi e non si sta fermi un’attimo,avere un barchino che consente di trainare 120 e piu’ metri di trave con mare mosso con, diciamo un numero elevato di esche,non dico quante(considera come se avessi la Ferrari e ogni tanto superassi i limiti di velocita’) e’ come per i surfisti avere una canna che lancia a 200 metri un piombo da un kilo,l’avvolgitore che ho ideato e’ antecedente di 25 anni al barchino,gia’ da allora mi serviva un contenitore per il trave ma che fosse rapido nel dare e recuperare il filo per non perdere contatto con l’attrezzo in balia delle onde,inoltre con un semplice metodo parto e recupero tutto in 4-5 minuti senza staccare i braccioli ,molti, per l’appunto.a presto

    P.S. ringrazio Salvatore per la visibilita’ concessami

    • Ciao, cippa, io frequento raramente questo come altri forum, ogni tanto gli do un occhiata e intervengo molto poco.per quanto riguarda la pescata , come ti ho già scritto in una mail, purtroppo posso dedicare alla pesca solo un paio d’ore all’alba, non so se per te va bene. Riguardo al trave il tuo avvolgitore e sicuramentemolto valido e ti permette di avvolgere e svolgere velocemente il tutto, però io con un avvolgitore tradizionale non ho molti problemi a compiere la stessa operazione abbastanza velocemente, senza dover staccare ogni volta i terminali.sicuramente il tuo è più valido con il mare mosso, però all’inizio vorrei provare con il mio.per il numero dei terminali, io non esagero perche avendo solo un paio d’ore a disposizione non voglio perdere troppo tempo .

    • Bello e insolito il tuo barchino !

      Appena hai postato il video l’ho subito visionato e mi è piaciuto.

      Non so quanti anni hai ma mi sembri una persona con un esperienza non da poco.

      I tuoi interventi nel forum sono ricchi di parecchi consigli utili. Complimenti.

      Non posso fare altro che ringraziarti…

    • non riesco a mettermi in contatto con te io sono di anzio sono interessato all’acquisto del barchino se vuoi il mio numero 3929471183 ciao

  2. ciao Rondella,ho 53 anni,ti ringazio per i complimenti ,seguiranno sicuramente altri video sulla tecnica,questo video e’ nato da una prova che ho fatto con la gopro poi ,viste le immagini venute fuori che mi sono piaciute,a parte l’inizio dove l’obiettivo si e’ appannato,non ho resistito a metterlo su you tube,ma spero di fare molto meglio affinche’ si capisca il modo che ho di intendere questa tecnica di pesca,forse un po’ estrema rapportata alla media di chi usa il barchino e che incontro sulle spiaggie o che scrive sui forum,per esempio le mie uscite di pesca cominciano la mattina presto,compatibilmente alla distanza della spiaggia scelta,e finiscono a sera,logicamente mi fermo ogni tanto per riposare e mangiare,ma quella giornata e’interamente mia,in solitudine,sfruttata al massimo,e i risultati ci sono,se mangiano a una determinata ora io sono li!per questo ho voluto un attrezzo affidabile,quando vado devo pescare,non esiste che rimonto in macchina e torno a casa,il lavoro, i problemi, la famiglia,ogni lasciata e’ persa dicono a Roma,la giornata di pesca si aspetta con trepidanza,guardo il meteo,aspetto la levata o la scaduta ,analizzo webcam e vado,se il mare monta di piu’ di quanto previsto o scade il giorno dopo,io sono pronto,sempre.ho sempre dietro due avvolgitori pronti,uno in nylon del”ottanta e uno in multifibra,se le onde sono forti,monto quest’ultimo bloccando il maniglione e combatto i marosi divertendomi e non piu’ subendo l’onda.

    • beato te che hai tutto questo tempo da dedicare alla tua passione, io purtroppo no. È anche per questo che voglio un attrezzo affidabile, che mi faccia pescare nelle più svariate condizioni di mare .

  3. Enrico ti assicuro che il portalenza di cippa è una favola (l’ho costruito anche io), in un attimo sei in pesca e con niente dai filo e recuperi filo, praticamente un gioco da ragazzi….

     

     

  4. Anche tu come me hai utilizzato la on board camera.complimenti bel barchino.Io tra qualche giorno rimetto in acqua il mio.

  5. grazie Tom, una preghiera rilasciamo i pesci che non si sono riprodotti almeno una volta.se no tra un po’ faremo le passeggiate con il cane e non più con il barchino

  6. ho anche io un bel barchino peccato che è buono solo per mare piatto

    mi potresti dare qualche indicazione su come costurire questo barchino favoloso

    complimenti bell’opera

    • Ciao Carlo….

      guarda, lascia stare il costruirselo da soli (credimi), ai prima a comprartelo da cippa il barchino che costruirtelo come quello di cippa….

       

       

  7. Salve a tutti, anke io ne ho costruito uno, è soko un prototipo,ma già cosi funziona alla grandissima!
    Il video su you tube è intitolato
    Barchino da tempesta by carminuzzu87
    Aspetto commenti

    • Che dire… Bello e funzionale !

      Ormai il legno non si usa piu’….. Ma il fascino delle tavole non avra’ mai fine !

  8. l’ indirizzo di posta(nene.gogligo@alice.it) che cippa ha fornito è attivo?
    gli ho chiesto il costo del barchino 5 giorni fa e non ho avuto risposta

  9. ciao a tutti, l’indirizzo di cippalippa risulta inattivo e la posta mi viene restituita indietro… potreste darmi qualche altro recapito?

  10. ciaooooooo ragazzi sono un’appassionato di questa pesca e’ molto interessante vedo ,come devo fare per acquistarne uno fatemi sapere ……..

    cordiali saluti spigola76

  11. Ciao, sono Luca

    sono interessato al tuo divergente cosa devo fare per averlo.

    sto provando le tue stesse problematiche quando non potevi uscire con il divergente perche’ cerano quelle onde che non ti permettevano di pescare.
    nella mia zona purtroppo ci sono quelle tre onde che non mi permettono di uscire, ho all’incirca 15 km di spiggia da sfruttare.
    Lo vendi? dai dei consigli per costruirlo? cosa? MI SERVE

  12. Buongiorno, vorrei conoscere il prezzo del barchino divergente. Attendo risposta e dettagli via mail. Grazie, Giovanni

  13. Ciao ho visto il video del barchino da tempesta è ottimo…vorrei sapere se sarebbe possibile acquistarne uno se mi puoi contattare tramite e-mail così ti do il mio numero e parliamo per i dettagli tu ringrazio mille…

  14. Paolo Cippalippa, l’inventore del barchino da tempesta, è tanto tempo che non si fa vedere su questo sito .
    Provate ad inviargli una email all’indirizzo che appare in fondo al video, ma mi hanno detto che chi ha provato non ha avuto risposta .

    Non so se è disponibile a costruire altri barchini .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *