Catture estive con Luna Rossa

Barchino divergente luna rossa di Nicola

Come saprete la mia attività di pesca estiva è ferma e probabilmente, visto che ho motivo di credere che il bel tempo e la stagione turistica si allungheranno per tutto settembre, prima di ottobre non riprenderò a pescare con il divergente .

Ma molti continuano a pescare anche in estate, con soddisfazione, come Nicola che mi ha inviato questa foto per la pubblicazione e che ringrazio, come ringrazio i tanti che mi scrivono email in privato e che testimoniano il gradimento per questo blog.

Nicola ha catturato una bella spigoletta e due sugarelli.  Non so dove e con quale esca (dei raglou completamente bianchi mi sembra di capire dalla foto) e magari attendiamo un suo commento di aggiornamento.

Se ha pescato nello stesso posto che vediamo sullo sfondo del barchino, confermerebbe una mia predilizione per le spiagge ghiaiose, come luogo di pesca alla traina ideale, piuttosto che quelle sabbiose.  Peccato che dalle mie parti ci siano solo spiagge sabbiose, a parte qualche breve tratto.

Comunque più che i pesci catturati mi ha interessato il barchino, che Nicola ha costruitio con le sue mani.

Mi sembra molto robusto, forse anche pesante, ed adatto ad affrontare il mare ondoso.

Vedo nella cura dei particolari tutta la passione che ci ha messo, con il nome personalizzato, la firma e la bandierina rossa che lo caratterizza.

dado a farfallaLe due barre trasversali sono fissate alle derive con dei bulloni a farfalla. In questo modo il barchino può essere facilmente smontato per occupare meno spazio, in auto o quando lo si ripone a casa.

Inoltre, particolare che non ho notato in altri barchini, le barre trasversali sono poggiate in un vano ritagliato ad incastro trapeizoidale (si vede bene nella foto grande). Quindi il punto di sforzo dell’unione è scaricato anche sul legno della deriva e non solo sulla vite di fissaggio e la struttura dovrebbe essere molto più forte.

anello di trainoPer il traino del barchino Nicola usa come me un cerchietto di ferro e non un moschettone. Ne abbiamo già parlato e c’è chi preferisce un metodo e chi l’altro. Penso che alla fine non ci sia grande differenza.



4 Responses to Catture estive con Luna Rossa

  1. Ciao, Salvatore, è un pò che non mi collegavo anche perchè con il barchino,come te, sono fermo e riprenderò verso fine settembre. voglio fare i complimenti a Nicola che è riuscito a pescare anche in Agosto e complimenti anche per la sua attrezzatura molto ben rifinita! sicuramente sarà andato con le prime luci dell’alba perchè più tardi la spiaggia si sarà affollata, BRAVO NICOLA!!!

  2. Noto adesso che la posizione della barra di traino di questo barchino è stata provata in 3 posizioni diverse.
    Adesso è nel punto più basso, ma ci sono i fori per altre posizioni più alte.
    vorrei chiedere a Nicola se è stato un aggiustamento provato con l’esperienza dell’uso, e come navigava il barchino con la barra nelle due posizioni più alte.

  3. Sicuramente con la barra più alta il barchino tendeva a sollevarsi dalla deriva maggiore cioè da dietro non c’è altra spiegazione.

  4. Ciao a tutti e complimenti a Nicola per le sue catture estive, vedo che anche lui, come me, non è stato fermo col barchino in estate, ed alla fine siamo stati ripagati (^_^)

    io credo che i tre fori per la barra nicola li usi a secondo delle condizioni meteomarine, cioè: con mare calmo magari non ha bisogno di sollevare la “pala” piccola (quindi quella “interna”) per poterlo far navigare tranquillamente senza troppi sforsi in mare, mentre quando il mare è più formato credo abbia bisogno di alzare la “pala” piccola per evitare il capovolgimento del barchino per via delle onde che battendo sulla pala esterna avrebbero la meglio se il barchino stesse in posizione diciamo orizzontale, invece alzando la pala piccola il barchino è leggermente inclinato e le onde fanno più fatica a capovolgerlo….

    anche io ho notato questa cosa facendo delle prove su uno dei miei barchini, (anche se i buchi li ho tenuti entrambi) ma preferisco lasciare l’asta in un unico punto senza aver bisogno di cambiargli posizione quando trovo un mare più formato del solito perchè una volta capita la tecnica,i trucchi, per non farlo capovolgere, non c’è più bisogno di cambiare posizione all’asta……….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *