Andiamo a pesca seguendo le maree

Il contadino conosce bene qual’è la luna giusta per la semina e quella per il raccolto.

Esistono calendari e prontuari per aiutare il contadino nelle sue attività in concordia con le fasi lunari e stagionali.

Allo stesso modo il pescatore dovrebbe porre attenzione alle condizioni lunari, e anche come le fasi influenzano le maree oltre all’attività gravitazionale della luna.

Perchè è ormai riconosciuto che la fase di marea ha grande importanza nella pesca sportiva, perché influenza l’attività alimentare dei pesci.

La marea infatti influisce sulla posizione del pesce che seguondo il movimento delle acque tende ad avvicinarsi alla costa in presenza di alta marea e ad allontanarsi verso il largo in presenza di bassa marea.

Questo migrazione giornaliera comunque è molto condizionata dalla costa e dalle particolari condizioni di profondità e di tipicità del luogo di pesca.

E’ invece più importante il fatto che la marea influisce sull’attività alimentare dei pesci, che se anche non disdegnano mai di mangiare un boccone, hanno un picco di appetito in particolari condizioni e sono quindi più facilmente catturabili nelle ore che portano al culmine di alta marea, mentre la loro attività decresce nelle ore marginali della bassa marea.

In particolare la Spigola, la cattura più frequente nella pesca con il divergente, è molto difficile da catturare durante le ore di bassa marea.

Nell’arco della giornata di pesca il periodo migliore sarà a cavallo del punto maggiore di alta marea, indicativamente da 1 ora e mezzo prima fino ad un’ora e mezzo dopo .

Solo 3 ore quindi per fare bottini particolarmente pesanti, non è molto tempo e sarebbe bene essere in pesca proprio in quel momento.

Certo è vero che non ci si può legare solo a questo. Si va a pescare quando si ha tempo. Se la marea sale quando sono a lavoro non posso lasciare tutto e andare.

Però se si può scegliere meglio scegliere le ore giuste. Se non si può scegliere magari sapremo il motivo per cui nessun pesce abbocca e potremo scagionare le nostre qualità di pescatore.

Per conoscere queste ore fatidiche si deve consultare la tavola delle maree. Ci sono software, anche free, che calcolano le maree partendo dalle fasi lunari, oppure troviamo tavole delle maree già pronte in molti siti internet.

Io ho appuntato tra i link utili per la pesca (link in alto a destra di questo sito) la pagina di CharterPesca , non perchè dia risultati migliori (tutti i siti indicano gli stessi orari), ma perchè mi mostra in una grande tabella tutti gli orari della settimana in maniera molto ordinata.

Certo in queste tabelle ci sono solo le città più importanti, ma magari ne confrontiamo due vicine e comunque non è che la marea cambi molto anche spostandosi di diversi chilometri.

Domani ho il culmine della marea intorno alle 11 del mattino. Io andrò a pesca dalle 8.30 in poi . Perchè così i miei impegni mi permettono, ma sono felice che coincidano con l’alzata della marea.

One Response to Andiamo a pesca seguendo le maree

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *